Medicina all’estero: medici di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Amadora Sintra danno le dimissioni

Medicina all’estero: bloccato un intero dipartimento di ginecologia

In ogni Paese vi sono problemi legati alle cure ospedaliere e all’organizzazione di esse; ci è giunta notizia dal Portogallo di una seria problematica che riguarda una struttura ospedaliera, dove i dirigenti del dipartimento di emergenza di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Amadora-Sintra hanno presentato richieste di dimissioni, dato che l’amministrazione non ha assunto specialisti, come richiesto da fonti sindacali. Le autorità di ostetricia dell’ospedale di Amadora-Sintra si dimettono
“Dal momento che il Consiglio di amministrazione e il governo non hanno risposto a nessuna delle domande che i medici hanno posto – vale a dire l’assunzione di specialisti per il servizio e la riorganizzazione del servizio di emergenza – e considerando che l’assunzione di società di servizi può mitigare il problema in tempo, ma non ha conseguenze strutturali, non c’è ragione per cui i medici non debbano continuare a dimettersi “, ha dichiarato il presidente della Independent Physicians ‘Union (SIM). Le lettere di dimissioni sono state consegnate all’inizio di agosto con scadenza a 15 giorni,  all’amministrazione dell’ospedale del professor Fernando Fonseca dell’Amadora-Sintra) per risolvere la situazione.

Le lettere di dimissioni non sono state revocate

Uno dei leader della squadra ha confermato che le lettere di dimissioni non erano state ritirate. A causa della mancanza di medici, c’è una “situazione di emergenza” nel servizio di emergenza di ostetricia: “Se non si fa nulla, si chiuderà naturalmente a medio termine, perché se i medici di 55 anni hanno deciso di non accettare più le chiamate d’emergenza, non c’è più nessuno a fare il servizio di emergenza nell’ospedale Amadora-Sintra “, ha detto Roque da Cunha. Secondo il funzionario della SIM, il Ministero della sanità e il consiglio dell’ospedale, “come in altre materie, non hanno fatto nulla per risolvere il problema”. Il sindacato e i medici ritengono che la proposta presentata, di assumere professionisti da società di servizi o dipendenti, non sia una soluzione. Così, ha spiegato Roque da Cunha, la responsabilità per i problemi che si verificano “è il consiglio di amministrazione, dal momento che i medici hanno già presentato dichiarazioni di non responsabilità”. Questa è la “posizione dei capigruppo dell’urgenza, appoggiato dalla stragrande maggioranza dei medici, che hanno anche espresso la loro solidarietà con i responsabili delle squadre”, ha aggiunto. Il presidente della SIM ha anche detto che i responsabili politici sanno che i medici, fino a quando non vengono sostituiti, “devono rimanere al loro posto, e contano su questo.

Scarsità di medici per i servizi extra e i turni di notte

Un altro problema evidenziato dal sindacato è l’incapacità di sostituire i medici: “Non solo non assumono, come negli ultimi due anni circa una dozzina di medici rimasti”. La dottoressa Teresa Matos, una delle menti della squadra di ginecologia e ostetricia dell’ospedale, la scorsa settimana ha sottolineato i disagi, durante una visita dello staff medico, che in tutte le situazioni il servizio era operativo con squadre al di sotto del minimo e diverse donne incinte dovevano essere trasferite in altri ospedali. Miguel Guimarães, responsabile della struttura  ha dichiarato: “È un’emergenza, perché altrimenti potrebbe accadere che la squadra di ostetricia e ginecologia non possa funzionare in determinati giorni”. Teresa Matos, una specialista che è anche il coordinatore dell’unità neonatale, ha anche ricordato che il servizio è obsoleto. Dei 17 specialisti dell’emergenza, nove hanno più di 55 anni e due ne hanno 54, il che significa che nulla può garantire che i medici non mostrino il rifiuto di fare turni di notte o anche urgenze il mese prossimo. Servizi importanti che sono necessari alla salute e al benessere delle donne che fortunatamente in Italia sono seguite in modo più avanzato e tecnologico come ad esempio la ginecologia a Foggia.

 

 

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *