Alt! Non scaricarlo nel wc…

L’idea del wc a volte, si avvicina più a quello di un buco nero e cioè ad un elemento universale di cui servirci per far sparire alcune cose e lasciarle al destino dello sciacquone quando abbiamo deciso di liberarcene. Ma non è proprio così e lo sa bene chi si occupa di servizio autospurgo a Roma, pronto a intervenire anche nelle situazioni più imbarazzanti, quando le cattive abitudini personali o di un intero paese diventano un rischio per il mondo e per l’ambiente.ovviamente il buco nero non esiste e prima o poi quello che scarichiamo nel wc andrà a finire in fiumi, mari e quindi negli oceani, inquinandoli inesorabilmente e ineluttabilmente. Secondo Greenpeace ci sono delle cose che non dovremmo mai buttare nel wc proprio in base alla pericolosità e all’inquinamento che ne provocano, vediamo insieme quali sono:

Salviette umidificate

Ci sono anche quelle biodegradabili ma non basta. In ogni caso è meglio non buttarle nel water. Ogni anno, solo in Australia, circa 500 tonnellate di salviette umidificate vengono rimosse dalle fogne della città. Riuscite a vederle sovrapposte una ad una 500 tonnellate di salviette umidificate?

Cotton fioc e dischetti struccanti

È la seconda minaccia dopo le salviette per il sistema fognario. Cotton fioc e dischetti struccanti, di uso decisamente comune, non sono mai biodegradabili e dopo l’invio nel “buco nero” si trasformano in masse informi, immense, vere e proprie mine per il sistema fognario. Per limitarne l’impatto è consigliabile usare delle alternative riutilizzabili.

Assorbenti

12 mila usati di media nell’arco di una vita da una donna. Assorbenti e tamponi sono composti da plastica e cotone e non devono mai essere buttati nel wc. I problemi nel loro caso riguardano le tubature domestiche, problemi alle reti fognarie e non essendo biodegradabili sono notevolmente inquinanti. Anche in questo caso bisognerebbe invertire il trend optando per delle alternative riutilizzabili.

Preservativi

Bel problema anche i preservativi. Giusto proteggersi da malattie veneree e gravidanze indesiderate ma ancor più giusto smaltirlo nei modi indicati e dunque mai gettandoli nel wc! Tutti i tipi di preservativo non sono biodegradabili e scaricarli equivarrebbe a renderli più che centenari nelle fogne prima e negli oceani poi. Nn si decompongono nell’acqua e ovviamente non esistono preservativi riutilizzabili ma meglio non buttarli nel water.

Il pesce rosso

Il funerale dell’amichetto della vasca non può essere più fatto in questo modo. Sembra assurdo ma buttare il pesce rosso nel wc soprattutto se ancora in vita, per disfarsene, contribuisce alla creazione di vere e proprie colonie dei suddetti pesci, che nuotano, si riproducono e crescono sino a diventare enormi. Un problema per l’ecosistema e poi, il water, non sembra mai il luogo giusto per disfarsi di un animale domestico.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *