Dal giornale alla credenza: ecco Kranthout

Non bisogna mai buttare i giornali,  sapete perché? Perché Mieki Meijer, designer olandese, amante del riciclo e della natura, ha creato dei veri e propri ceppi di legno riutilizzando fogli di giornale e una colla speciale, prodotti che sembrano veri grazie alle venatura che la designer è riuscita a riprodurre.

Hai finito di leggere le notizie del giorno e ti appresti a buttare il giornale nel bidone? Non farlo! Per prima cosa, se proprio te ne vuoi liberare, puoi metterlo nel contenitore della carta e contribuire alla raccolta differenziata, inoltre, leggendo la notizia, capire quanto è importante riciclare.

Il Kranthout, infatti, è un materiale prodotto dalla Vij5, la compagnia di Mieki Meijer, ed è utilizzato per costruire mobili. Il materiale è molto similare al legno, è resistente e aiuta a recuperare tonnellate di giornali che diversamente andrebbero sprecate.

A pensarci bene è una grande innovazione tecnologica che fa tornare la carta di giornale alle sue origini: d’altro canto se la carta deriva dagli alberi, perché non potrebbe tornare alla sua forma originaria? La notizia è  stata accolta con grande interesse nel mondo ecosostenibile. Il Kranthout, letteralmente legno di giornale, può essere levigato, dipinto, tagliato e utilizzato per tantissime funzioni. La valenza ecosostenibile di questo prodotto è doppia: per costruire un mobile, o altro prodotto in legno, non vengono abbattuti alberi e si riutilizzano tonnellate di carta che, diversamente, andrebbero distrutte creando inquinamento e costi.

In realtà l’idea di Mieki era stata già presentata alla Milano Design Week 2001, quindi 6 anni fa, ma il vero interesse verso questo materiale sta prendendo forma adesso e pian piano sono cresciuti gli utilizzi a cui è stato destinato il legno di giornale. Se, questo materiale, è veramente ecosostenibile e duraturo, però, si vedrà solo con il tempo, visto che per essere prodotto si utilizzano collanti molto potenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *